Addio smalto classico!


Si tende a pensare che i trattamenti di ricostruzione o di semipermanente a lungo andare rovinino le unghie. Ho combattuto molto per difendere questo tipo di trattamenti con clienti che credevano in questa idea assurda. Non l'ho fatto solo perché è il mio lavoro, ma perché è un dato di fatto che i trattamenti unghie non siano dannosi (se realizzati nel modo corretto).

Non ti annoierò con tutte le strane frasi che mi sono state dette a lavoro, piuttosto con questo post ho intenzione di scoprire le carte in tavola e mostrarti perché non dovresti preferire lo smalto classico a loro. Metteremo anche a confronto tutti i pro e i contro!

Metterei in cima alla lista dei contro il fatto che siamo nel 2021! Lo smalto classico dovrebbe essere cosa passata da un bel po'... ma andiamo oltre. Affrontiamo la realtà!

Faremo una lista dei limiti dello smalto classico dividendo i motivi per cui dovresti abbandonarlo 4 categorie:

gif
  • la durata;

  • il costo del trattamento;

  • la qualità;

  • e ultimo ma non per importanza il risultato estetico.



Partiamo subito con il primo: la durata!

E' un fatto ovvio che lo smalto non duri quanto un trattamento semipermanente o addirittura una copertura. Analizziamo meglio questo dato:

Un trattamento semipermanente ha durata di circa 2-3 settimane.

Un trattamento di copertura dura molto più tempo e necessita di essere ritoccato solo una volta al mese.

Quanto dura una manicure con smalto classico? 2-3 giorni, o se sei fortunatissima 1 settimana.

Questo perché se non sei particolarmente attenta si consuma e si secca molto in fretta sui bordi, una manicure appena fatta può sembrare fantastica, ma vale la pena per 2 giorni?


Il secondo punto è: il costo

La manicure con smalto classico è sicuramente il trattamento più economico che ci sia, ma ti sei mai fatta due conti paragonandolo al semipermanente o alla copertura?

Facciamoli insieme con qualche esempio: seguimi!

Diciamo che una manicure costa €8 e un semipermanente €15.

Dovendo rifare la manicure una o forse più volte a settimana, per la sua durata, non ti sembra una soluzione più comoda il semipermanente?

Lo paghi 1 volta e lo tieni per 2 settimane almeno.

Paragoniamolo, ora, ad un ritocco in gel, acrilico o acrygel (quel che sia).

Consideriamo sempre il costo di prima: 8€ per la manicure con smalto classico, e ora consideriamo che un ritocco (refill) della copertura costi dai €25 ai €30 circa.

La manicure continuerebbe a durare pochi giorni e dovresti rifarla una volta alla settimana, tenendoti però sulle unghie lo smalto sbeccato.

Facciamo finta che sei una di quelle persone con una ricrescita unghie molto veloce e che hai bisogno di fare il refill alla terza settimana... Ti conviene di più andare una volta ogni 3 settimane a fare il ritocco, oppure tenere lo smalto rovinato sulle unghie per una settimana prima di doverlo fare da capo la settimana successiva?

Scegli di pagare da €6 a €8 una manicure con smalto classico che durerà pochi giorni, piuttosto che scegliere un trattamento che nelle settimane successive rimane intatto?

Ora mi dirai: "eh ma se i prodotti che usi sulle unghie fanno male?" calma, adesso ci arriviamo...

gif

Il terzo punto: la qualità!

Ho sentito molte cose "strane" sui prodotti che si utilizzano per fare la copertura, la ricostruzione o il semipermanente. Ho sentito molte voci un po'ignoranti sul fatto che le unghie respirano o si "intasano" (si mi hanno detto proprio così) . Chiariamolo ora, le unghie non possiedono polmoni per respirare.

Le unghie non sono altro che una sovrapposizione di strati di cheratina compattati. Non respirano, non si intasano.

Ma allora perché si parla di qualità di prodotti?

Molte delle mie clienti prima di fidarsi di me hanno dovuto toccare con mano i prodotti, hanno voluto fare settimane di prova e alcune hanno voluto addirittura smontare, per poi ricostruire tutto, solo per assicurarsi che l'unghia sotto sia ancora intatta. Questo perché hanno avuto esperienze precedenti molto negative con questi trattamenti più delicati. Magari è successo anche a te, oppure è successo alla tua amica che ti ha sconsigliato questi trattamenti data la sua esperienza negativa.

Anche io sono molto diffidente quando mi viene proposto un nuovo trattamento o un nuovo prodotto da sperimentare, ma se non lo testo non posso dire che non fa per me, non posso dire che non mi piace.

"Se non lo assaggi non puoi dire che non ti piace" non ti ricorda niente? Tutto sta nello chef!

Se trovi un'onicotecnica di qualità, perché non testare?

Se è brava nel suo lavoro, se si aggiorna di continuo, allora perché dovrebbe usare prodotti scadenti?

Molte volte le persone si trovano male anche perché quando sono costrette a smontare questi lavori trovano dei disastri, non è colpa del prodotto ma dell'onicotecnica.

Non cercare perciò la scusante dei prodotti, cerca, invece una onicotecnica che sappia quello che fa. Non mi stancherò mai di ripeterlo, bisogna affidarsi alle esperte, altrimenti non ha senso spendere i propri soldi in trattamenti.


L'aspetto estetico!

Anche questo non è del tutto da dare per scontato. Il risultato estetico di uno smalto classico ovviamente non è lo stesso di un semipermanente.

Ma volendo analizzare questo fattore nel dettaglio, il primo aspetto evidente è la struttura delle unghie: non è possibile modificare, stringere oppure riparare unghie rotte utilizzando lo smalto classico. Sono parecchi gli aspetti tecnici di cui si potrebbe parlare per il risultato estetico, ma non mi dilungherò per non annoiarti.

gif

In conclusione, sono diversi i motivi per cui dovresti dire addio allo smalto classico.

Spero di esserti stata utile con questo post. Condividi questo post con un'amica che non si è ancora convertita ad un metodo moderno di trattamenti unghie.




Un bacio virtuale, Nora.


6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti